Avete mai bevuto il Cava? Se la risposta è no, dovete farlo, perché si tratta della risposta spagnola al francesissimo champagne. Le origini risalgono al 1851, ma solo qualche ventennio dopo è stato valutato a dovere, grazie all’opera dell’enologo Raventos Josep, che suggerì di usare lo stesso identico modo con cui si fa lo champagne. Cava viene da grotta o cantina, perché si usano proprio questi posti per far invecchiare questi vini. I cava si producono nella regione vinicola di Penedes, che è vicinissima a Barcellona. Per questo motivo, nella città catalana, ma in tutta la Catalunya, è preferibile bere cava e non champagne, anche perché la bontà è assolutamente identica. Le bollicine catalane vi aiuteranno ad ambientarvi meglio in un posto bellissimo come Barcellona.

Il cava è in quasi tutti i bar, e si accompagna benissimo a qualsiasi pasto, essendo un vino frizzante. Ci sono dei bar molto rinomati, proprio per il cava, vediamo quali: il primo che vogliamo menzionarvi è il Can Paixano, uno dei posti più tipici della città. Ma non è l’unico: ci sono anche La Vinya del Senyor, nei pressi della chiesa gotica di Santa Maria del Mar, Monvinic, dove ci sono 3000 vini provenienti da tutto il mondo, Casa Freixenet, che si trova a 45 minuti da Barcellona.

 

Comments

comments